Tag: griglia stagione 2021-2022

Noi – Mille volti e una bugia

GIOVEDÌ 5 MAGGIO 2022 ORE 21

 

GIUSEPPE GIACOBAZZI

Noi – Mille volti e una bugia

di Andrea Sasdelli, Carlo Negri
regia Carlo Negri

FUORI ABBONAMENTO

Noi - Mille volti e una bugia (Pagina)

Irresistibile ritratto dell’uomo e del suo doppio

Andrea Sasdelli alias Giuseppe Giacobazzi, ovvero l’uomo e la sua maschera. Un dialogo, interiore ed esilarante, di 25 anni di convivenza a volte forzata. 25 anni fatti di avventure ed aneddoti, situazioni ed equivoci, gioie e malinconie, spettatori e protagonisti di un’epoca che viaggia a velocità sempre maggiore. Dove in un lampo si è passati dalla bottega sotto casa alle “app” per acquisti, dal ragù sulla stufa ai robot da cucina programmabili con lo smartphone; il tutto vissuto dall’uomo Andrea e raccontato dal comico Giacobazzi. Come in uno specchio, o meglio come in un ritratto (l’omaggio a Dorian Gray è più che voluto), dove questa volta ad invecchiare è l’uomo e non il ritratto. Sono proprio questi i “Noi” che vediamo riflessi nei nostri mille volti (i rimandi letterari non mancano, dal già citato Wilde a Pirandello, da Orwell a Hornby), convivendo, spesso a fatica, con la bugia del compiacerci e del voler piacere a chi ci sta di fronte.
Uno spettacolo che con ironia e semplicità cerca di rispondere ad una domanda: “Dove finisce la maschera e dove inizia l’uomo?”. Il problema di tutti noi, perché tutti noi conviviamo quotidianamente con una maschera.

Queenmania Rhapsody

VENERDÌ 22 APRILE 2022 ORE 21

 

QUEENMANIA

Queenmania Rhapsody

con Sonny Ensabella, Fabrizio Palermo,
Tiziano Giampieri, Simone Fortuna
produzione Charlotte

Queenmania Rhapsody (Pagina)

Is this the real life? Is this just fantasy?

“E’ vita reale o è fantasia?” Comincia così la canzone manifesto dei Queen. Dopo quarantatré anni dalla pubblicazione, nessuno è ancora riuscito a svelare il segreto del suo significato e a comprenderne appieno i meccanismi dell’inarrestabile successo planetario.
La blasonata e seguitissima tribute band del leggendario gruppo musicale britannico si rimette in gioco espandendo i confini del concerto e confezionando uno spettacolo in cui musica, fascinazione visiva e narrazione si intrecciano e convivono nella formula teatrale, dando vita ad una caleidoscopica rapsodia pop. Uno scrigno di celebri canzoni che suscitano un crescendo di infinite emozioni, per rivivere sul palcoscenico la favola romantica, malinconica, ironica, straziante, gioiosa, sensuale e trasgressiva di un mito che ha scritto la storia del rock, regalandoci l’illusione di poter “vivere per sempre”.

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show

MERCOLEDÌ 13 APRILE 2022 ORE 21

 

MASSIMO LOPEZ
TULLIO SOLENGHI

Massimo Lopez &
Tullio Solenghi Show

di Massimo Lopez, Tullio Solenghi
con Jazz Company
direttore M° Gabriele Comeglio
produzione IMARTS

FUORI ABBONAMENTO

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show (Pagina)

L’imperdibile performance di due straordinari talenti

Insieme sul palcoscenico dopo 15 anni, come due vecchi amici che si ritrovano, in uno show di cui sono interpreti e autori, coadiuvati dalla Jazz Company del Maestro Gabriele Comeglio, che esegue dal vivo la partitura musicale.
Ne scaturisce una scoppiettante carrellata di voci, imitazioni, sketch, performance musicali, improvvisazioni ed interazioni col pubblico. Tra i vari camei, l’incontro tra papa Bergoglio e papa Ratzinger in un esilarante siparietto di vita domestica, e poi i duetti musicali di Gino Paoli e Ornella Vanoni, e quello di Dean Martin e Frank Sinatra. In quasi due ore di spettacolo, Tullio e Massimo, da “vecchie volpi del palcoscenico”, si offrono alla platea con l’empatia spassosa ed emozionale del loro inconfondibile “marchio di fabbrica” che da sempre li contraddistingue, per offrirci un racconto scenico senza un apparente filo conduttore, un po’ a scatole cinesi, dove una semplice frase o una singola intonazione danno il “la” alla scena successiva.

Tre papà per un bebè

GIOVEDÌ 7 APRILE 2022 ORE 21

 

MARIO ZAMMA
NICOLA CANONICO
GIUSEPPE CANTORE
ALESSIA FABIANI

Tre papà per un bebè

di Antonio Grosso
con Leonardo Barbarisi
musiche Mariano Perrella
scene Biagio Barbarisi, Clara Surro
costumi Clara Surro
produzione Good Mood
regia Roberto D’Alessandro

Tre papà per un bebè (Pagina)

Una brillante e caotica rivoluzione

Una commedia esilarante, leggera ma densa di emozionanti riflessioni sulla paternità e l’amore per i figli.
Tre amici quarantenni vivono nello stesso appartamento, ognuno concentrato sul proprio lavoro e sulla propria vita da single. All’improvviso, un neonato di pochi mesi piomba nel tranquillo ménage domestico, sconvolgendolo. A complicare il tutto giunge pure una misteriosa, bellissima ragazza… Tra pappe, ninne nanne e pannolini i tre affronteranno problematiche mai immaginate e, giorno dopo giorno, metteranno sempre più in discussione le proprie priorità, le necessità e il modo di vivere i sentimenti. Il piccolo porterà nelle loro esistenze una rivoluzione tale da guidarli a prendere coscienza del reale senso della vita, liberandoli dalla sindrome di eterni Peter Pan per raggiungere finalmente la maturità.

Stanno sparando sulla nostra canzone

VENERDÌ 1° APRILE 2022 ORE 21

 

VERONICA PIVETTI

Stanno sparando sulla nostra canzone

di Giovanna Gra
con Cristian Ruiz, Brian Boccuni
luci Eva Bruno
colonna sonora Alessandro Nidi
produzione a.ArtistiAssociati
regia Giovanna Gra, Walter Mramor

Stanno sparando sulla nostra canzone (Pagina)

Una trascinante black story in musica

America, mitici anni Venti, d’oro e ruggenti. Baci e abbracci non sono più un pericolo, l’epidemia di spagnola un lontano ricordo. Ma il proibizionismo…
Una spiritosa e sensuale Veronica Pivetti, in arte Jenny Talento, fioraia di facciata, in realtà venditrice d’oppio, finisce col cedere alle avances di un truffaldino giocatore di poker. Rapita dalla passione, si lascerà trascinare in un mondo perduto di malavita, sesso, amore e gelosia. Fino a quando il gangster più temuto della città, un visionario dal mitra facile, non pretenderà da lei la restituzione di un vecchio debito contratto dal suo amante. Dopo qualche resistenza, la donna cede, ma poi ci ripensa trascinandosi all’epilogo in una resa dei conti salata e non più rinviabile, con un finale in crescendo decisamente esplosivo.
Uno spettacolo incalzante dalle atmosfere retrò, travolte e stravolte da un allestimento urban, accompagnato dalla contemporaneità delle canzoni più note e trascinanti della musica pop e rock e illuminato da insegne colorate e intermittenti fra occhiali scuri, calze a rete, mitra e canzoni.
E dall’esplosiva esuberanza di un mondo risorto alla vita.

Telepathy

MERCOLEDÌ 30 MARZO 2022 ORE 21

 

FRANCESCO TESEI

Telepathy

di Francesco Tesei, Deniel Monti
regia Francesco Tesei

Telepathy (Pagina)

Per tornare a condividere le emozioni

Una novità assoluta sul palcoscenico dei Fluttuanti: lo spettacolo del “mentalista” più famoso d’Italia!
Francesco Tesei ha sempre provato a “leggere il pensiero” delle persone, una capacità spesso descritta con la parola “telepatia”. Il periodo che stiamo vivendo, però, ha imposto il concetto di distanziamento sociale come assoluta priorità. È quindi particolarmente importante, e attuale, tornare al significato etimologico della parola, “tele-pathos”, che deriva dal greco, e significa “passione condivisa a distanza”.
Con questo nuovo spettacolo, figlio di un particolare momento storico, il mentalista spera di accorciare le distanze tra le persone, tornando a giocare con interazioni fondate sulle parole ma anche su gesti, azioni, respiri e sorrisi. Per gettare la maschera, vivere emozioni reali e non virtuali, e costruire assieme alla partecipazione attiva del pubblico qualcosa che potremmo definire con un neologismo: “telempatia”.
Nessun potere sovrannaturale o paranormale, dunque, ma solo il desiderio e il bisogno di ricominciare a condividere esperienze tipicamente umane, come la meraviglia e lo stupore, in maniera empatica.

Oblivion Rhapsody

MERCOLEDÌ 23 MARZO 2022 ORE 21

 

OBLIVION

Oblivion Rhapsody

con Graziana Borciani, Davide Calabrese,
Francesca Folloni, Lorenzo Scuda,
Fabio Vagnarelli
scene Lorenza Gioberti
costumi Elisabetta Menziani
luci Aldo Mantovani
produzione AGIDI
regia Giorgio Gallione

Oblivion Rhapsody (Pagina) 2

Il nuovo folle show

Uno show per festeggiare i primi dieci anni insieme, la summa del mondo Oblivion come non l’avete mai visto né sentito.
In piena crisi di mezza età, i cinque rigorosi cialtroni sfidano se stessi con un’inedita versione acustica della loro opera omnia. Uno spettacolo che arriva all’essenza dell’idiozia: cinque voci, una chitarra, un cazzotto e miliardi di parole, suoni e note scomposti e ricomposti a prendere nuova vita.
Per la prima volta gli Oblivion salgono sul palco nudi e crudi per distruggere e reinventare le loro hit, dopo aver sconvolto senza pietà quelle degli altri. Oblivion Rhapsody è un gigantesco bigino delle performance più note che parte dalle famose parodie dei classici della letteratura, passando per la dissacrazione della musica a colpi di risate, un viaggio che ripercorre anni di raffinate e folli sperimentazioni, in lungo e in largo, di palo in frasca. Tutto il meglio (e il peggio), quello che non ricordavate, quello che amate di più e quello che non conoscevate, un’avventura allucinata e visionaria. Preparatevi ad un anniversario memorabile, a un’indigestione senza limiti e senza senso, una Oblivionata all’ennesima potenza.
Alla fine, l’unico bis che chiederete sarà… una Citrosodina!

Ce la farò anche st(r)avolta

VENERDÌ 18 MARZO 2022 ORE 21

 

EMANUELA AURELI

Ce la farò anche st(r)avolta

di Francesca Nunzi, Emanuela Aureli
con Giandomenico Anellino – chitarra
produzione The Boss
regia Emanuela Aureli

Ce la farò anche st(r)avolta (Pagina)

Risate assicurate tra musica e autoironia

La nota imitatrice, amatissima dal pubblico, narra la storia della sua carriera, sin dagli esordi, con una serie di aneddoti buffi spesso legati alla sua fisicità. Un monologo comico e autoironico, tra esilaranti gag, imitazioni e storielle paradossali, nell’intreccio fra vita privata e professionale, con l’accompagnamento di un eclettico chitarrista, spalla ideale della protagonista.
Un vero e proprio “one woman show”, che metterà in luce il talento dell’artista nel suo racconto di ragazza piena di complessi che tuttavia riesce a trasformare le proprie goffaggini in un punto di forza, tanto da conquistare il grande pubblico e gli addetti ai lavori. Non ultimo, il pubblico potrà apprezzarne le notevoli doti vocali, ascoltando indimenticabili canzoni proposte durante le sue famose imitazioni, in una variegata rassegna di personaggi, un vero e proprio condominio affollato di persone… e certo, gestire un condominio non è semplice, tra riunioni, lamentele e dissapori, con i condomini che talvolta ti stravolgono le giornate… ma Emanuela ce la farà anche stRavolta!

La sagra famiglia

GIOVEDÌ 10 MARZO 2022 ORE 21

 

PAOLO CEVOLI

La sagra famiglia

di Paolo Cevoli
regia Daniele Sala

La sagra famiglia (Pagina)

Risate tra genitori e figli

“Mia figlia piangeva perché non sapeva fare i compiti. Per farla smettere di piangere li ho fatti io. Ho fatto bene oppure ho fatto male?“.
“Se avessi un modello di genitore a cui ispirarmi…“.
Genitori e figli. Dramma della nostra epoca. Ma forse questo problema esisteva già al tempo dei cavernicoli. E gli antichi Romani, i Greci, gli Ebrei facevano i compiti ai loro figli?
Paolo Cevoli racconta la sua storia personale di padre e di figlio paragonata con ironia e leggerezza ai grandi classici. Edipo, Ulisse, Achille, Enea e compagnia bella. Fino ad arrivare a Dio in persona con Mosè e il popolo ebraico. E il figliol prodigo, un giovane scavezzacollo che, nonostante tutto, il Padre ha riaccolto a braccia aperte. Addirittura uccidendo il vitello grasso, il quale, poverino, che colpa ne aveva? E la famiglia di S. Giuseppe, Maria e Gesù Bambino. La Sacra Famiglia.
Per dire cose serie senza prendersi sul serio. Per raccontare la Sagra famiglia. Che come tutte le Sagre di paese, soprattutto in Romagna, finiscono sempre in ridere.

La prima volta

GIOVEDÌ 3 MARZO 2022 ORE 21

 

PAOLO CONTICINI

La prima volta

di Paolo Conticini, Luigi Russo
produzione Good Mood
regia Luigi Russo

La prima volta (Pagina)

Un suggestivo viaggio tra i ricordi di una vita

Un intenso e ironico bilancio di un uomo che a cinquant’anni ha imparato a fare della sua esistenza ciò che ha sempre sognato e a metà del suo cammino sceglie con coraggio di condividere le sue esperienze, i suoi errori e progetta il futuro, consapevole che nella vita niente è facile ma nulla è impossibile.
Paolo Conticini legge, canta e racconta un po’ di sé, mostrando le sue doti di “one man show” in un recital che si snoda tra parole e musica, con l’ausilio di pochi ingredienti come un leggio, una chitarra, storie e canzoni che hanno lasciato traccia nella sua vita. La famiglia, gli studi, i primi lavori, poi l’incontro con Christian De Sica che gli dà la possibilità di esprimersi come attore… è solo l’inizio di un brillante percorso artistico, in continua evoluzione, ricco di soddisfazioni tra cinema, tv e teatro. Da un aneddoto all’altro, il racconto della sua vita è in realtà quello della vita di tutti noi: le sue prime volte, le nostre prime volte, i suoi dubbi sono i nostri, così come le occasioni perse, le piccole soddisfazioni, le coincidenze…